La Gamification: una realtà sempre più concreta

gamification

La Gamification, ovvero l’insieme di quelle dinamiche proprie dei giochi utilizzate in contesti diversi da quello del gioco, è una tecnica sempre più utilizzata e una realtà sempre più concreta.

Oggi si parla sempre più spesso di gioco, dei suoi benefici, della sua utilità, delle sue dinamiche, delle sue applicazioni in tanti contesti differenti. Tra le tante forme che si stanno sperimentando, una si è dimostrata talmente efficace da essere diventata un qualcosa di implicito all’interno della società, quasi scontata, come se fosse sempre esistita: la Gamification.

Ma quali sono i vantaggi di questa tecnica? Perché da più parti, spesso in contesti diversissimi tra loro, si sta utilizzando? E in cosa consiste precisamente?

 

Che cos’è la Gamification

La Gamification è l’utilizzo di meccanismi e principi peculiari dei giochi in contesti in cui normalmente non vengono applicati. Si intendono quindi qui elementi come: obiettivi e regole di azione, punteggi, avatar, feedback al giocatore, sfide, obiettivi, ricompense, componenti di game design applicati a differenti realtà.

Lo scopo principale di questa tecnica è quella di portare i benefici e i lati positivi del gioco in altri ambienti, per migliorare l’organizzazione e tutti gli aspetti ad essa collegati. Tramite la gamification, inoltre, si cerca di motivare le persone a raggiungere gli obiettivi preposti.

I sistemi in cui viene usata sono molti e sono in continuo aumento. Viene usata, ad esempio, in contesti di lavoro, che spesso si svestono della loro formalità, all’interno di campagne di marketing e comunicazione per migliorare le promozioni e incentivare la fidelizzazione degli individui (avvicinando quest’ultimi e i valori del brand) o a supporto di iniziative di apprendimento dedicate ai bambini e ai ragazzi.

Si pensi ad esempio alla recente iniziativa posta in essere dal Governo per incentivare l’utilizzo dei pagamenti elettronici e ridurre l’evasione fiscale: la lotteria degli scontrini. Essa può essere ricondotta sotto la categoria di Gamification, perché prevede dei premi che ricompensano un certo tipo di comportamento, incentivandolo nel lungo periodo.

 

Perché la Gamification funziona

Proprio per il fatto di trasformare semplici azioni quotidiane in giochi funzionali e, dove possibile, competitivi, le persone sviluppano un sentimento di sana competizione che le spinge a fare di più e a fare meglio. Si sentono maggiormente coinvolte e stimolate a raggiungere gli scopi preposti, grazie, soprattutto, all’utilizzo di prove e ostacoli e di un sistema di ricompense.

In linea generale, le persone mettono in atto comportamenti più efficaci ed efficienti quando sono giustamente motivate. Si pensi ad esempio proprio al contesto lavorativo. Stimolando atteggiamenti positivi e un desiderio di soddisfazione e crescita personale si raggiungono performance più efficaci che giovano sia alla realizzazione personale (crescita dell’autostima e della motivazione) che alla crescita dell’intera azienda.

Ecco perché la Gamification sta prendendo sempre più piede ed è sempre più utilizzata: riesce ad unire l’utile e il dilettevole, mettendo in rilievo le attitudini positive della persona.

 

Photo by NordWood Themes on Unsplash